Esilio di voce – Nota critica di Enzo Campi

“come chi vive
per lasciare impronte, un
solco per la morte che
ci segue, che ci precede
in forma di stagioni”

 

Continua a leggere