Impronte sull’acqua – Nota critica di Davide Racca

 

copertina_marotta

Un’impronta sul calco vitale di un’altra impronta,
quando, toccandosi, l’idròmetra e l’acqua sono un’unica cosa.

 

Impronte sull’acqua – Nota critica di Davide Racca

    Tocco l’acqua che mi tocca. Io sfioro lei, lei sfiorandomi. Qui, in questo punto, so che non posso andare oltre se voglio sentirla ancora così, in questo modo. Se solo immergo il dito, lui viene fagocitato e non sentirò altro che acqua intorno. Se il dito lo ritraggo, avrò bisogno di sentire pur qualcosa, ma non sarà la stessa cosa.

     Se pongo un dito sulla superficie dell’acqua, senza immergerlo, si arriva al punto di tangenza sensibile con essa e si fa viva la sua pressione sul polpastrello: allora il dito diviene un’idròmetra in sosta.

     L’acqua è elemento mutevole, adattivo e dirompente, stagnante, catastrofico e sorgivo per natura. Non ha una sua identità precisa. Assorbe tutto, tutto lascia scorrere. Lei può sommergerti, annientarti. E darti vita. Tu hai bisogno di lei, non lei di te.

     Tu puoi pugnalarla, ma immediatamente si richiude intorno alla lama. Puoi canalizzarla. E servirtene ai tuoi scopi. E puoi adulterarla… e qui mi fermo, perchè qui si impone la tua identità.

 

*

 

     L’identità, automaticamente, per un riflesso burocratico, di garanzia, la associamo all’impronta.

     Ma un’identità fatta di impronte-digitali adultera l’identità individuale. Rende un uomo riconoscibile nello statuto del consorzio umano. Controllabile, coercibile.

     L’identità fondata sulle impronte-digitali è una falsificazione dell’umano, perché racconta la sua storia sulla scorta di un codice formale, non sul lascito di un’esperienza.

     Un uomo non è la sua impronta-digitale. È soprattutto l’impronta che sulla pelle gli incide la vita.

 

*

 

     La poesia di Marotta non è una poesia di identità. Perché non vuole imporsi. Ma è una poesia di impronta. Un’impronta sul calco vitale di un’altra impronta, quando, toccandosi, l’idròmetra e l’acqua sono un’unica cosa, perché l’idròmetra si posi e cammini sull’acqua e l’acqua glielo permetta senza affondarla.

     In questo senso la parola di Marotta non trattiene la realtà. La tocca, perché la realtà diventi un unico con la parola.

     Perché la parola si posi e cammini sulla realtà e la realtà glielo permetta senza affondarla.

 

***

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...