Su Lettera da Praga – di Biagio Cepollaro

Da qui si dipartono ciò che, in un momento di grazia
e di gratitudine, noi chiamiamo i doni della vita.

 

Su Lettera da Praga da Hairesis di Francesco Marotta
(In: Biagio Cepollaro, Incontri con la poesia (2003-2007), E-book)

La visione.

La visione spinge le parole ad inoltrarsi al di là del muro delle parole, una parola retrostante che non è memoria non è pragma, una parola piuttosto midollo, una parola linfa, ciò che scorre malgrado tutto, la parola matrice.
Solo che la parola matrice non è una parola è pane delle stelle, come in Lettera da Praga. Anche la storia, ripercorsa, dall’intuizione visionaria della matrice, è costretta riscriversi con lettere che non sono storiche e che sospendono la linearità del tempo a favore di una circolarità vissuta, a favore di un’esperienza a cui vien data la parola ultima, quella poetica.
Le generazioni, i padri e i figli, si contraggono in un solo punto luminoso dove sembra farsi strada una verità che dice ciò che la semplice pena, il semplice dolore non possono dire. Ciò che viene detto è un senso di quella pena e di quel dolore, ciò che viene detto è il liberarsi di quel senso dalle strettoie infernali delle biografie, dalle opacità di ogni biografia.
La visione, l’immagine vengono prima delle parole, sono dietro le parole, e puntano dritte al senso delle parole, quasi malgrado le parole, il loro incistarsi nel vocabolario, nell’uso, nell’abuso, nel meccanico trito del dire per dire nel continuo mancare.

L’aggettivo.

La visione spinge le parole attraverso i mezzi della poesia. L’aggettivazione sinestetica muove come un motore verso la visione compiendo il circolo: la visione si nutre di questa solerte aggettivazione e, nello stesso tempo, la provoca a moltiplicarsi. La musica è ‘sghemba’, i lampi sono ‘malati’, le memorie sono ‘franate’. Una direzione comincia ad apparire in questo movimento della visione: è l’inversione, l’inversione non della realtà, della sua opaca densità cosale, ma del tempo. A questo punto il movimento: al volto che è ‘un futuro’ ‘che riemerge’ si accompagnano per precisazione, per individuazione del nocciolo, ‘i sogni/che resistono alla deriva degli anni’.
Sono i sogni a permettere l’inversione della linearità del tempo, a scompaginare la prospettiva. Il sogno qui supera la biografia e anticipa ogni risveglio orientando. Il sogno è la direzione e, insieme , l’approdo; è futuribile e, insieme , archeologia, traccia collettiva, potenzialità inesaribile.
Il cascame degli anni, celebrato di solito come luogo delle opere, viene svelato e smascherato come appunto cascame, deriva, frammentazione continua del senso e dei corpi, illusione. Doppio scorrere parallelo in cui l’unica possibilità d’incontro è l’intuizione poetica che scorge l’unità laddove vi è solo dispersione. L’aggettivazione sinestetica è il modo per realizzare in parole tale processo dell’intuizione unificante che non può esimersi dalla prova delle polarità irriducibili, dalla tragedia degli opposti.

La compresenza degli opposti.

E d’altra parte la tensione massima è nelle cose, è già nelle biografie. Solo che lo sguardo normalizzante, realistico, pratico, in una parola, l’opacità del non-vero, non vuole vedere, non può tollerare questa tensione. Le parole che si dicono per relativizzare, mitigare, adulterare, lenire, sono le stesse parole della storiografia, della critica letteraria, dei discorsi che si pretendono neutri, scientifici, impersonali.
La tensione massima è in un campo di concentramento, allegoria del male storico, emblema iscritto sulla carne, letteralizzazione del male. Eppure luogo in cui si coltivano i sogni tanto più lontani dalla lettera , e perciò immagini e visioni, quanto più il male si è fatto lettera e carne.
E se il sogno di uno orienta il risveglio correndo parallelo e inesauribile, anche i sogni dei molti popolano la storia invisibile e non raccontata né raccontabile, perché quei sogni non sono accessori della vita ma la sua stessa capacità generatrice, la matrice invisibile, la potenzialità di specie.
E dunque su due serie parallele unificate soltanto in un punto dall’intuizione poetica s’installano come duplicazioni della stessa vitale opposizione il ‘fiammifero’ e la ‘marea’, ‘l’ala’ e i ‘chiodi’, ‘il naufragio della storia’ e ‘il tempo di una vela’, il liberare ‘le serpi’ e l’impastare ‘il pane delle stelle’.
Questa ultima coppia chiude questa primissima parte del primo componimento tra quelli che vanno a formare Hairesis. Ed è una chiusa naturale, logica, è la conclusione dell’intuizione, la sua più chiara formulazione.

Impastare il pane delle stelle.

E’ la stessa attività poetica, confinante tanto con il ‘reliquiario’, quanto con le ‘sacre ombre’ che consiste nel ‘liberare serpi’ ad ‘impastare il pane delle stelle’. Le serpi sono archetipo ricco, indicano trasformazione e fertilità, indicano la somma degli stadi evolutivi di una coscienza e, insieme, medicamento, abilità nell’equilibrare. E queste serpi provengono dal passato e dalle ‘sacre ombre’ e si proiettano in alto e nel futuro, fino al senza tempo.
L’attività poetica è appunto impastare, mettere le mani dentro, manipolare, assottigliare, levigare, riammassare, stendere, tagliare, attendere, far crescere, far lievitare, misurare e di nuovo attendere, saper attendere dopo l’azione decisa e istintiva del metterci dentro le mani, del trasformare.
Ma il pane che ne verrà fuori come per la nascita stellare non si può addentare. Non si può neanche guardare perché propriamente è insostenibile, irriducibile.

Latenza.

Il poeta qui ci rivela che è la vita nascosta a dare un senso. L’essere nascosta della vita è la sua latenza, secondo l’etimologia.
Latenza che riempie il vuoto (come il vuoto quantico dei fisici) con le sue potenzialità di essere, ancor prima della generazione. Il movimento originario, rispetto a cui le concrete biografie sono ridotte a cascami, è il venire all’essere di queste latenze. Da qui si dipartono ciò che, in un momento di grazia e di gratitudine, noi chiamiamo i doni della vita.

(2006)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...